Parapendio, quale colore scegliere?!

E’ arrivato il momento di cambiare la tua vela da parapendio?!

E ora cosa prendo? Rimango sulla mia categoria? Avanzo? o forse meglio fare un passo indietro?

Potrei prendere un bel B, che va come un C, però è omologato in A, ma effettivamente è un D…

Lasciamo questo articolo per la prossima quarantena, oggi cercheremo di affrontare una scelta che tante volte viene lasciata al caso, vuoi per fretta o per noncuranza… di che colore volete il vostro piumaggio?!

Partiamo dal principio. 

Il colore della tua vela da parapendio, può fare la differenza in termini di visibilità. Le vele colorate, più luminose, sono generalmente più visibili di quelle più scure (non mi sfugge nulla!). In caso di incidente in un luogo remoto (🤘), una vela più luminosa potrebbe aumentare le possibilità di essere individuata dai servizi di emergenza.

I fattori più importanti per evitare una collisione a mezz’aria nei cieli affollati rimangono sempre il buon senso e l’essere sempre vigili. Tuttavia, c’è la possibilità che il colore del parapendio possa fare la differenza quando il cielo è affollato e dobbiamo guardare in tutte le direzioni contemporaneamente, usando molto anche la visuale periferica.

Le vele più difficili da individuare in avvicinamento hanno un bordo d’attacco nero o blu, che non riflette alcuna luce e si fonde con qualsiasi terreno scuro. I bordi bianchi invece, sono difficili da individuare all’orizzonte o in compagnia delle nuvole.

 

È abbastanza ovvio che su uno sfondo verde-blu, il rosso e l’arancione si distinguono fortemente, perché sono colori complementari sulla ruota dei colori (lato opposto).

Ora arriviamo al punto…

IL COLORE INFLUISCE SULLA VITA DEL TESSUTO?

Ozone dice: “Ci viene spesso chiesto quali colori durano più a lungo o hanno la migliore resistenza ai raggi UV. Tutti i colori che forniamo hanno un punteggio di durata tra 4 e 5 su una scala da 1 a 5, con 5  punteggio massimo per la longevità.” 

Anni fa si è verificato un problema con la stabilità dei colori fluorescenti, ma le procedure di produzione sono cambiate negli ultimi anni.

Supair, invece, ci dice che: “gli effetti dell’invecchiamento sono generalmente più pronunciati sui colori chiari”. Ciò è dovuto all’alterazione (sbiadimento) del colore nel tempo, ma la conservazione dello strato di rivestimento è ciò che determina la porosità – quindi prenditi cura della tua vela, specialmente quando ti trovi su decolli con superfici abrasive come i tappeti e tieni la vela lontana dal sole quando non in uso.

Quindi, nella maggior parte dei casi il colore della vela potrebbe non fare alcuna differenza. Un pilotaggio distratto può causare sicuramente più problemi, anche se la tua vela è arancione. Inoltre oggi difficilmente vengono prodotte vele monocromatiche (vero Bruce?!) a meno che non sia tu a richiederla…non farlo! Costa anche 200€ in più il colore personalizzato!

Alla fine pare che spetti a te decidere quale colore scegliere, in base alle tue preferenze e priorità personali!

Stay tuned! ✌️

Rispondi